Compressione video (codecs)

Dicembre 2016
Un'immagine di un video non compressa occupa una dimensione di circa 1 Mb. Per ottenere un video che sembri fluido è necessario avere una frequenza di almeno 25 o 30 immagini al secondo, il che produce un flusso di dati di circa 30 Mb/s, ossia più di 1.5 Gb al minuto. È evidente che questo tipo di capacità di banda è poco compatibile con gli spazi di immagazzinamento dei PC ne tanto meno con le connessioni di rete di privati o di piccole e medie imprese.

Così, per rimediare a questa difficoltà, è possibile ricorrere a degli algoritmi che permettono di ridurre significativamente i flussi di dati comprimendo/decomprimendo i dati video. Questi algoritmi vengono detti CoDec (per COmpressione/DECompressione).

M-PEG

La prima cosa che salta in mente dopo essersi interessati alla compressione delle immagini è di applicare questo metodo ad una successione di immagini digitali (animazione o video). Il principio del "Motion JPEG" (sigla MJPEG o M-JPEG, da non confondere con l'MPEG) consiste nell'applicare successivamente l'algoritmo di compressione JPEG alle diverse immagini di una sequenza video.

Dato che l'M-JPEG codifica separatamente ogni immagine della sequenza, esso permette di accedere in modo casuale a qualsiasi parte del video. Inoltre la sua capacità di banda da 8 a 10 Mbps lo rende utilizzabile nel montaggio digitale.

Potrebbe anche interessarti :

Video compression (codecs)
Video compression (codecs)
La compresión de video (códecs)
La compresión de video (códecs)
Videokomprimierung (Codecs)
Videokomprimierung (Codecs)
Compression vidéo (codecs)
Compression vidéo (codecs)
Compressão de um vídeo (codecs)
Compressão de um vídeo (codecs)
Il documento intitolato « Compressione video (codecs) » da CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.